Pillole di illCare – Secchezza vulvovaginale

Bentornati alle “Pillole di illCare”!

Oggi parleremo di un argomento particolarmente sensibile per il pubblico femminile, l’atrofia vulvovaginale, più comunemente nota col termine di secchezza vaginale.

E’ un disturbo frequentissimo nelle donne in menopausa, è causata dalla riduzione degli ormoni estrogenici, ne è colpito quasi la metà della popolazione, a solo 3 anni dall’ultimo ciclo mestruale e questa percentuale destinata a salire se non viene affrontata per tempo e curata per tempo.

La secchezza vaginale causa molti problemi alle donne, innanzitutto dà prurito irritazioni e un fastidio continuo. In aggiunta ha difficoltà durante i rapporti sessuali infatti la scarsa lubrificazione, può causare delle piccole abrasioni, con conseguente dolore durante i rapporti intimi di coppia.

Il persistere di questo disagio può portare la donna ad un rifiuto dei rapporti intimi, in aggiunta ha difficoltà durante i rapporti sessuali, infatti, la scarsa lubrificazione può provocare delle piccole abrasioni sulla mucosa vaginale e quindi dolore. Il persistere di questo disagio può portare a rifiuto il rapporto intimo da parte della donna.

In termini medici la secchezza vaginale è l’espressione clinica dell’atrofia vulvovaginale, purtroppo il problema è poco conosciuto poco diagnosticato e poco trattato provoca numerosi problemi, sia fisici che psicologici, che potrebbero essere facilmente risolti con le giuste cure. I rimedi più usati sono gli estrogeni locali in forma di gel, che possono essere usati per anni perché sono efficaci a bassi dosaggi causando scarsi effetti collaterali.

Studi recenti hanno dimostrato come la terapia ormonale locale può risolvere i problemi di secchezza vulvo-vaginale in circa l’ottanta per cento delle donne dopo la menopausa, specialmente se iniziata subito dopo la scomparsa del ciclo. Per le donne che non possono usare gli estrogeni, nemmeno quello locale, ci sono delle terapie alternative come l’acido ialuronico che ha azione riparativa e antiossidante locale.

L’acido ialuronico non è una componetene essenziale solo dei tessuti ma anche per l’ambiente della vagina, e durante i rapporti migliora la lubrificazione riducendo i fastidi.

Vi ricordo che i nostri sono solo suggerimenti e che prima di assumere qualsiasi sostanza o medicinale, dovete parlare con il vostro medico o farmacista di fiducia.

Alla prossima puntata!

It's only fair to share...Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento