Pillole di illCare – Mal di mare (Cinetosi)

Bentornati alle Pillole di illCare! Sono Arturo Jorio, e oggi affronterò l’argomento della cinetosi, o volgarmente detto, “mal di mare”. La cinetosi è un disturbo neurologico dovuto allo spostamento regolare del corpo durante un moto, un esempio sono le altalene, le giostre ma ancora più facile da capire, sono il classico viaggio in aereo, in macchina o in treno. Molti credono, che questo sia un disturbo dovuto al sistema gastrico, in realtà è un disturbo dovuto al sistema parasimpatico vestibolare La causa più diffusa è dovuta a delle piccole malformazioni all’interno dell’orecchio interno del corpo umano e vengono accentuate da stimoli sia olfattivi che visivi.

Gli stimoli provenienti dall’apparato vestibolare ricadono sopra il centro del vomito nel midollo allungato causando questo senso di nausea persistente fino ad arrivare al vomito vero e proprio. Altri sintomi associati sono, pallore, sudorazione fredda, sbadigli e sensazione di spossatezza. Nel caso di mal di mare, può essere anche presente un disturbo gastro-intestinale come la diarrea. Tutti questi sintomi finiscono nel momento in cui si cessa il moto, quindi alla cessazione del viaggio. Alcuni dei primi farmaci usati erano gli atropinici o gli antiemetici.

Per prevenire questo disturbo, oggi si usano antagonisti muscarinici come la scopolamina, vengono somministrate diverse forme, in compresse, in capsule, in cerotti transdermici e in chewingum. Vanno presi mezz’ora prima dell’inizio del moto ed hanno un’azione di quattro/sei ore. Alla fine delle quattro/sei ore di terapia si può riassumere una quantità equivalente di prodotto. Spero che questi piccoli consigli, vi possano garantire un viaggio tranquillo e sereno e godervi la vostra meritata vacanza. Prima di chiudere, vi ricordo che i nostri sono solo consigli e che prima di assumere qualsiasi tipo di medicinale dovete parlarne con il vostro medico o farmacista di fiducia. Arrivederci alla prossima!

It's only fair to share...Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento