Pillole di illCare – Cioccolato

Buongiorno e bentornati alle “Pillole di illCare”!

Oggi parleremo del cioccolato. Il cioccolato è un prodotto alimentare che piace praticamente a tutti ed ha tantissime sfaccettature, possiamo infatti consumarlo sotto forma liquida, sotto forma solida con una texture che può essere dal cremoso alla texture decisa.

Questo perché la lavorazione del frutto che cresce sull’albero del cacao, chiamato Theobroma cacao, possiamo ottenere diversi prodotti, la polvere di cacao ed il cioccolato. La differenza tra i due prodotti è semplicemente una: il quantitativo di burro di cacao che contengono. Naturalmente il cioccolato conterrà più burro di cacao rispetto alla polvere che ne sarà quasi priva. C’è da dire che il cioccolato cambierà la propria composizione in base al tipo di lavorazione. Basti pensare che il cioccolato fondente è molto vicino come composizione nutrizionale al cacao in polvere, mentre il cioccolato al latte avrà addizionato latte, zucchero e quant’altro, quindi la sua composizione e le sue qualità nutrizionale saranno notevolmente diverse.

Il Theobroma cacao è una pianta che cresce principalmente in Ecuador e nei Tropici Americani. La composizione chimica del cacao è molto complessa, infatti, finora sono stati identificati oltre duecento composti diversi contenuti, appunto, dal cacao. Questi composti sono tantissimi e vari, polifenoli, flavonoidi, come antocianile, contiene molte vitamine principalmente del gruppo B, ma anche un buon quantitativo di vitamina C, A ed E, un discreto contenuto in sali minerali, principalmente, magnesio, fosforo e calcio, e poi contiene altre sostanze di notevole importanza quali, per esempio, la landiamide che è un lipide endogeno, il triptofano che è il precursore della serotonina, che sono tutte le sostanze che come vedremo hanno un’azione benefica per il nostro tono dell’umore.

Dal punto di vista strettamente nutrizionale, quindi di quantitativo il calorico, naturalmente il cioccolato è molto calorico perché contiene ben il 40-42% di lipidi. Sono lipidi di origine vegetale, quindi non troviamo colesterolo, a meno che non sia addizionato di latte o di altre sostanze, nel caso troveremo colesterolo, ma non deriva dal cacao. Per quanto riguarda il contenuto proteico è di circa il 10% invece come carboidrati troveremo sia oligosaccaridi che polisaccaridi. Come abbiamo detto il cioccolato hanno un potere calorico molto elevato, sono all’incirca 500 Kcal per il cioccolato fondente per 100 grammi, calorie che salgono anche fino a 600 Kcal qualora noi andiamo ad addizionare il latte per il cioccolato al latte o addizioniamo addirittura frutta secca o quant’altro. Possiamo anche ampiamente superare 600 Kcal.

Il cioccolato può essere inserito anche in una dieta anche ipocalorica?

Probabilmente si, però dobbiamo scegliere il tipo di cioccolato, non possiamo andare a consumare tutti i giorni un cioccolato al latte, ma potremmo consumare più volte la settimana, un cioccolato fondente, questo perché, se molto calorico, perché oltre a darci molte calorie in realtà ci da dei composti molto importanti. Ad esempio, il cioccolato contiene flavonoidi, questi flavonoidi cosa fanno?
Hanno un’azione antimicrobica e antiossidante, che conosciamo più o meno quasi tutti però questi flavonodi sono in grado anche di liberare l’ossido nitrico ciò significa che avremo una vaso dilatazione maggiore che permette un abbassamento sensibile della pressione arteriosa. Quindi persone con ipertensione, attraverso il cioccolato, possono beneficiare di un leggero effetto ipotensivo. Inoltre i flavonoidi hanno la capacità, non contenendo il cioccolato colesterolo, di permettere un leggerissimo calo dell’ LDL, la frazione cattiva del colesterolo. In uno studio condotto su 1199 persone che hanno avuto un ictus si è visto che il consumo di 50 grammi di cioccolato fondente settimanale, ha ridotto del 46% il rischio di decesso. Come abbiamo detto queste qualità benefiche sono dettate dal cacao, se noi addizioniamo nel cacao latte, o quant’altro, le qualità benefiche andranno meno notevolmente maggiori sicuramente non avremo gli stessi benefici è quindi importante andare a consumare un cioccolato che sia più vicino. Sappiamo che il cioccolato che ci fa stare bene perché noi mangiamo il cioccolato e ci sentiamo bene. Perché succede questo? Perché contiene triptofano che è il precursore della serotonina e contiene anche landiamide che è un lipide endogeno che è in grado di riconoscere i recettori canabidoidi, quindi è come se noi facessimo uso di uno stupefacente naturale.

L’landiamide si lega e ci da questa sensazione di benessere, inoltre il cacao contiene magnesio, il magnesio è un sale minerale che contrasta gli stati di irritabilità e spossatezza. è quindi molto importante nella propria dieta il cacao il cioccolato fondente i momenti della giornata in cui inserire il cacao o il cioccolato.
Naturalmente non possiamo consumare 100 gr di cioccolato al giorno, ma il giusto quantitativo della giornata il giusto beneficio nella nostra dieta ipocalorica.
Ricordiamo che questi sono solo dei consigli, quindi per maggiori informazioni un nutrizionista o un dietologo.

It's only fair to share...Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento